San Valentino: rose rosse, Phalaenopsis e tanto amore

E tu, come festeggerai San Valentino?

Il 14 febbraio è San Valentino. Una festa iconica che tutti, chi più chi meno, decidono di festeggiare – anche se non sono in coppia.

Le origini di questa festa sono poco chiare e in bilico tra religione e paganesimo. La più accreditata risale all’epoca romana, quando nel 496 d.C. papa Gelasio provò a contrastare i Lupercalia, quelli che allora erano i riti pagani legati a Luperco, il dio della fertilità, celebrati il 15 febbraio.

Come è facile intuire, i Lupercalia erano in netto contrasto con la morale cristiana ed è per questo che il papa volle istituire una festa che fosse più religiosa e meno pagana. Ecco quindi che la festa della fertilità del 15 febbraio si sposto di un giorno, il 14 febbraio, e San Valentino divenne il protettore – cattolico – di tutti gli innamorati.

santo-val

Ma chi era per i cattolici San Valentino? Forse sarebbe più corretto dire “chi erano”, perché ce ne sono almeno due degni di nota – e tutti e due legati in modo singolare all’amore. Il primo, San Valentino da Terni, era riconosciuto perché solitamente amava fare da paciere tra le coppie in litigio. Il secondo, invece, pare sia diventato martire per aver unito in matrimonio due persone che – secondo la cultura del tempo – forse era meglio tenere lontane.

Qualunque sia l’origine di questa festa, ad oggi ha poca importanza: quello che importa è che l’amore si celebri, sempre, soprattutto in tempi difficili come quello che noi stessi stiamo vivendo. Amatevi, sempre, rispettatevi e amatevi, perché l’amore ha mille forme e un potere unico, in grado di salvare vite.

sophie-dale-RQC24udB4Zo-unsplash

Anche Il Coccio Fiorito festeggia San Valentino: se vuoi fare un regalo speciale alla persona che ami con una creazione originale, hai tempo fino all’11 Febbraio per prenotare il tuo omaggio floreale.

Per celebrare questa festa insieme a voi, Il Coccio Fiorito ha pensato a due fiori unici: la rosa rossa e la Phalaenopsis. Ne abbiamo già parlato in questo blog, trovate i link agli articoli in questo post.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: